Sindrome di Down e sue caratteristiche

Pubblicato il30/03/2021 5814
Amore0




Attualmente, persistono alcuni miti sui bambini con sindrome di Down che hanno distorto il modo in cui dovrebbero essere educati e generano processi appropriati che li stimolano. Per chiarire tutto questo, inizieremo spiegando cos'è la sindrome di Down.


Cos'è la sindrome di Down?


Sebbene molti la considerino una malattia, la verità è che non è così: si tratta di un'alterazione genetica causata da un cromosoma in più nella coppia 21. Cioè, i bambini con sindrome di Down hanno 3 cromosomi nella coppia 21, quando il normale è due, risultando in un totale di 47, tenendo conto che sono 23 le coppie; con il quale, il comune sarebbe, cioè, 46 cromosomi. Quindi, questa sindrome è anche nota come trisomia 21.


A sua volta, questo materiale genetico extra produce irregolarità nello sviluppo funzionale dei bambini, sia fisicamente che cognitivamente. Queste variazioni possono essere caratterizzate, evidenziate, negli aspetti che di seguito indicheremo:


Caratteristiche di un bambino con sindrome di Down


Per quanto riguarda le caratteristiche di un bambino con sindrome di Down, verranno raggruppate in 4 categorie per renderlo più illustrativo: fisico, cognitivo, percettivo e motorio.


- Fisico: in genere chi soffre di questa alterazione genetica tende ad avere occhi a mandorla verso l'alto, collo corto, orecchie piccole, oltre a mani e piedi, piccole macchie bianche sull'iride dell'occhio, solo una piega nella palmo della mano, tendenza della lingua a sporgere dalla bocca, tono muscolare debole, bassa statura sia nell'infanzia che nell'età adulta e piccoli mignoli, in alcuni casi piegati verso il pollice (clinodattilia).


- Cognitivo: in relazione allo sviluppo cognitivo, hanno difficoltà di astrazione e concettualizzazione durante l'apprendimento. Inoltre, presentano difficoltà nel prendere decisioni adeguate e coerenti, nella pianificazione di strategie per la risoluzione dei conflitti e nel calcolo mentale. Mostrano lentezza nell'elaborazione e nella codifica delle informazioni, disorientamento spaziale e temporale, disabilità intellettiva variabile e deficit di attenzione.


- Percettivo: a loro volta, e rispetto agli stimoli sensoriali e sensibili, elaborano le informazioni visive più facilmente di quelle uditive.


- Motore: per quanto riguarda le capacità motorie e il movimento, hanno debolezza muscolare (ipotonia), problemi di coordinazione e lassità legamentosa.


Cause


Non esiste una causa esatta che spieghi perché si verifica questa alterazione genetica, ma ci sono studi che hanno dimostrato che l'età della madre può essere un fattore determinante perché ciò avvenga, soprattutto se la madre concepisce il bambino dopo i 35 anni.


Esigenze dei bambini con sindrome di Down


Nei primi anni di vita del bambino con sindrome di Down, l'ambiente in cui cresce è parte fondamentale del suo sviluppo integrale, il che rende importante esporlo a diversi stimoli sui quali può focalizzare la sua attenzione, quali, Ad esempio, quelli in cui i loro sensi sono attivati, come la manipolazione di oggetti, la pittura o il contatto con oggetti testurizzati.


Alcuni degli elementi più importanti, e da tenere in considerazione, sono il rafforzamento dell'attaccamento sicuro e del gioco condiviso, poiché la socializzazione costante aiuterà il bambino ad acquisire sicurezza e maggiore autonomia. Per quanto riguarda il gioco, devono essere con bambini della stessa età, che abbiano o meno una disabilità, poiché in questo modo viene promosso l'apprendimento sociale e collaborativo, che li aiuterà a sviluppare abilità sociali.


In un prossimo post parleremo delle principali condizioni di cui soffrono i bambini con sindrome di Down e di quali altre importanti aree cerebrali dovrebbero essere stimolate.

Prodotti correlati
Articoli correlati
Lascia un commento
Lasciare una risposta
Si prega di login per inviare un commento.
Chiudere
Clicca per altri prodotti.
Nessun prodotto è stato trovato.

Impostazioni

Dal menu

Creare un account gratuito per salvare elementi amati.

Accedi