Quando dovrebbe essere messo il bambino?

Pubblicato il25/03/2021 2912
Amore0


I piedi sono essenziali per l'equilibrio e l'orientamento spaziale. Si sviluppano e si evolvono in ogni fase del bambino, dalla nascita all'età adulta. E, in questo processo di crescita, i piedi acquisiscono maggiore forza, sostegno e forma, raggiungendo così un buon ritmo di deambulazione e trotto.

È bene che i bambini siano scalzi?

Quello che gli esperti consigliano di più è che prima di iniziare a camminare i bambini restino scalzi, poiché alla nascita hanno una sensibilità tattile dei piedi molto più fine di quella, ad esempio, delle mani. Questa sensibilità speciale può durare fino al primo anno e, durante questo periodo di crescita, ha particolare importanza nell'apprendimento associativo dell'ambiente e nell'adeguato sviluppo del bambino.
Lasciando i piedi liberi, senza l'oppressione o la protezione che offre la calzatura, si attivano i meccanocettori al contatto con il piede e gli stimoli tattili esterni. Nel nostro corpo abbiamo diversi meccanocettori che si occupano, ciascuno, di un aspetto specifico. Per citarne alcuni, possiamo citare quelli di Ruffini o Krause, che sono legati alla sensazione termica; Troviamo anche chi risponde alle pressioni, come quella di Pacini o quella della Merkel; oppure, quelli che sono importanti per noi in relazione all'esperienza tattile, quelli di Meissner. Questi ultimi, quelli di Meissner, si trovano sulla pianta dei piedi, e quindi, come abbiamo già detto, sono fondamentali nello sviluppo sensibile dei bambini. Durante la crescita, questi meccanocettori diventano propriocettori e sono responsabili dell'invio al cervello di informazioni sull'equilibrio e la postura del corpo. Questo è il motivo per cui spesso si fa notare che i bambini usano i piedi come mezzo per conoscere il loro ambiente, essendo questo un processo di apprendimento lento e graduale: usano i piedi per entrare in contatto con l'esterno, si appropriano e prendono l'oggetto esternamente con le mani, e lo dirigono immediatamente alla bocca, poiché è in quest'ultimo spazio, la bocca, dove si trova un maggior numero di terminazioni nervose sensibili. Si ritiene addirittura che lasciare che il bambino si muova a piedi nudi e che entri in contatto con il suo ambiente, il suo spazio esterno, lo aiuti a sviluppare la sua intelligenza spaziale.
Come faccio a sapere quando mettere le scarpe del mio bambino?
Secondo l'Associazione spagnola di pediatria (AEP), dobbiamo prestare attenzione alla forma del piede del bambino, poiché è durante il primo anno in cui viene modellato: il cuscinetto adiposo situato sulla pianta dei piedi scompare, il che serve come protezione, e l'arco della pianta del piede inizia a formarsi.
Pertanto, è consigliabile indossarli quando iniziano a camminare e il loro piede ha già finito di adattarsi alla posizione e al movimento bipede, cioè su entrambi i piedi. Tuttavia, una serie di aspetti devono essere presi in considerazione per l'adeguato sviluppo del piede e, quindi, ottenere facilità di manipolazione durante la deambulazione.

Quali materiali sono adatti per le calzature?

Per quanto riguarda i materiali e le calzature consigliati, si raccomanda quanto segue:
  • Non indossare scarpe con suola rigida. Le scarpe con la suola rigida non hanno la stessa flessibilità delle altre, facendo sì che la deambulazione generi tensione muscolare, oltre a ostacolare il normale sviluppo del piede. Con il quale, la cosa ottimale e consigliabile è usare scarpe con suola flessibile, poiché aiutano e facilitano il corretto movimento del bambino.
  • Che le scarpe non stringano i piedi. I piedi devono muoversi agevolmente, senza ostacoli o impedimenti; Senza contare che, in tenera età, scarpe molto strette alla misura del piede possono rendere difficile la sua formazione. Per questo motivo, è consigliabile mettere il bambino in scarpe con velcro, poiché questo consente un'ottima vestibilità al piede del bambino, senza pressarlo e premerlo o, al contrario, lasciando la calzatura sciolta. In entrambi i casi, soprattutto nel primo, in cui la confezione è stata realizzata sotto forma stretta in relazione alle dimensioni del piede del bambino, le dita dei piedi non svolgeranno la loro funzione naturale, poiché non lasceranno molto spazio e libertà per il piedi.
  • Realizzato con materiali traspiranti. Il materiale deve essere, assolutamente, traspirante, che permetta la circolazione dell'aria e non “anneghi” il piede.

Raccomandazioni

Quando acquisti o indossi scarpe, assicurati che il bambino non si senta a disagio con le scarpe, poiché faranno parte di lui, specialmente nel suo camminare e nel suo movimento. Quando il bambino inizia a camminare, tra i 12 ei 15 mesi, non è necessario tenere le scarpe costantemente, tutto il tempo, ma deve fare una pausa, momenti in cui il piede può essere rilasciato. Dai 24 mesi ai 2 anni, puoi lasciare le scarpe molto più a lungo, senza fissare limiti di tempo.
Prodotti correlati
Articoli correlati
Lascia un commento
Lasciare una risposta
Si prega di login per inviare un commento.
Chiudere
Clicca per altri prodotti.
Nessun prodotto è stato trovato.

Impostazioni

Dal menu

Creare un account gratuito per salvare elementi amati.

Accedi