Mio figlio non parla solo urlando: cosa devo fare?

Pubblicato il31/01/2020 950
Amore0

Alcuni bambini hanno l'abitudine di comunicare con un tono di voce alto, il che porta i genitori ad assumere se i motivi sono causati da problemi uditivi o difficoltà nella loro lingua. Ma questo può avere diverse cause.
Motivi?
L'età può essere la ragione principale, essendo questa la più importante poiché, secondo gli studi da 0 a 6 anni, i bambini hanno difficoltà a modulare il tono della loro voce a causa dell'età, l'esaltazione di fronte ai diversi cambiamenti emotivi che presentano comporta costantemente al cattivo umore e al grido in modo sconclusionato, questo per far conoscere in qualche modo ciò che provano e il modo in cui interpretano i loro sentimenti.
La seconda causa potrebbe essere dovuta al fatto che gli adulti con cui vivono i bambini, gestiscono un tono di voce alto e costante, i richiami di attenzione a tutti i polmoni, le espressioni dei genitori quando vogliono l'ordine a casa, portano allo stress emotivo che provoca che la voce si alzi, in questo caso, si deve pensare che i bambini vorranno sempre imitare i comportamenti dei genitori, le loro azioni, i loro hobby, le loro abitudini si formano da casa.
Se a casa la musica è molto rumorosa o televisiva, costringe i bambini a sforzarsi di essere ascoltati, modellando il loro comportamento a poco a poco, formando abitudini inappropriate ed espressioni comunicative basate sul loro bisogno di attenzione, portandoli ad assimilare quel grido o sollevare La voce è l'unico modo per essere ascoltato e avere l'attenzione di chi lo richiede.
Possono anche parlare ad alta voce, a causa dei cambiamenti emotivi che affrontano ogni giorno, comprese le emozioni travolgenti, come la paura, la tristezza e la rabbia.
È necessario identificare ciò che ha portato i bambini a prendere queste abitudini e quindi creare un piano di lavoro che coinvolge processi che generano cambiamenti comportamentali, tra cui attività respiratorie, espansione del vocabolario emotivo, gestione delle emozioni ed esercizi che consentono adeguata modulazione del tono della voce, questo lavoro deve partire dalla pazienza dei genitori per eseguire correttamente le procedure con accompagnamenti che consentano di raggiungere gli obiettivi previsti.
I bambini dovrebbero essere proiettati per comprendere le circostanze in cui viene loro chiesto di tacere, valutando prima di chiedere se la loro età è appropriata per richiedere loro di comportarsi in modo tale da non sapere come farlo, ad esempio se un bambino ha due anni , si deve tener conto del fatto che si trovano nella fase di esplorazione e sviluppo del linguaggio, aspetti che devono essere correlati prima di correggerli.
I genitori dovrebbero imparare a modulare la voce, il tono calmo della voce sarà un esempio per loro, dando ai bambini l'opportunità di esprimersi con la tranquillità di sentire e sapere cosa faranno sentire. Gestire i cambi di parola migliora la comunicazione a casa e li aiuterà ad avere rispetto quando parlano con gli altri.
La calma nei genitori sarà il mezzo per migliorare il modo in cui i bambini comunicano, può essere un processo a lungo termine, ma deve essere continuo, essendo un lavoro di genitori e figli.

Prodotti correlati

Impostazioni

Dal menu

Creare un account gratuito per salvare elementi amati.

Accedi