Cos'è il time out e quando dovrebbe essere implementato nei bambini

Pubblicato il18/03/2021 2890
Amore0




In quali momenti i genitori non affrontano situazioni stressanti con i figli? Si sa che i bambini non sono sempre angioletti: è normale per loro fare i capricci o essere disobbedienti, urlare, arrabbiarsi, lanciare oggetti per terra, ecc. E, in questi casi, un rimprovero o un urlo è il più comune. Come genitori non vorreste ricorrere a questo, ma come agire contro questi cattivi comportamenti?


Secondo gli esperti, ci sono tecniche che possono essere applicate e che aiutano i genitori a evitare l'usura dei rimproveri e delle punizioni fisiche. Una di queste tecniche è il famoso "time out".
Se il bambino lancia cose, fa i capricci, non è volontario o si rifiuta di raccogliere le sue cose, deve solo essere allontanato dalla situazione e dallo spazio in cui il bambino ha generato il conflitto: senza urlare o tremare, portalo a un stanza o luogo in cui può essere solo e riflettere stabilendo un nesso causale tra il suo cattivo comportamento e la ritorsione.


Il "time out" è considerato una tecnica che permette ai bambini di meditare sui loro comportamenti sbagliati o non corretti, favorendo in loro la capacità di autoanalisi e autoregolazione emotiva.


Passaggi per il timeout


Per eseguire questa tecnica, è necessario seguire i passaggi indicati di seguito:


1. Scegli un luogo: il luogo selezionato deve essere uno spazio tranquillo che non abbia possibili distrazioni con cui il bambino possa trascorrere del tempo in modo piacevole o divertente. È meglio farlo sedere su una sedia abbastanza comoda in modo che possa mantenere la sua compostezza e sia abbastanza visibile in modo che i suoi genitori possano osservarlo senza interromperlo.


2. Spiegare al bambino le conseguenze del suo comportamento scorretto: è importante parlare con il bambino prima di partire in modo che sappia di cosa si tratta. Ti verrà detto perché e perché sei lì e che dovresti passare quel tempo a riflettere e pensarci.


3. Menzionare al bambino l'espressione "time out": è necessario che il bambino comprenda il processo che dovrà sopportare ogni volta che compirà un comportamento inappropriato: ogni volta che agirà in modo scorretto, verrà annunciata l'espressione "time out" a loro e poi devono sedersi sulla sedia stabilita. L'espressione va pronunciata con tono deciso e deciso, ma senza urlare.


4. Eseguire la tecnica per il tempo corretto: questo processo deve essere eseguito sotto un certo tempo in minuti e in relazione all'età del bambino: ad esempio, se il bambino ha 2 anni, deve essere isolato per due minuti , senza lasciarlo superare il tempo né, tanto meno, lasciarlo salire prima del suo completamento. Si consiglia di utilizzare un allarme che consenta il controllo del tempo trascorso.


5. Fine del periodo di tempo: scaduto il tempo, si deve porre fine alla ritorsione al bambino e, subito dopo, dimostrargli affetto, ignorando e tralasciando il comportamento inappropriato che l'ha portato a la punizione, e che in questo modo hai la possibilità di rifletterci sopra.

Prodotti correlati
Articoli correlati
Lascia un commento
Lasciare una risposta
Si prega di login per inviare un commento.
Chiudere
Clicca per altri prodotti.
Nessun prodotto è stato trovato.

Impostazioni

Dal menu

Creare un account gratuito per salvare elementi amati.

Accedi