L'età di 2 anni è una fase in cui i cambiamenti di temperamento non hanno fine e sebbene questo sia molto normale, la manifestazione di ribellione, pianto e lamentele costanti, spesso causa l'usura dei genitori quando i bambini vogliono qualcosa immediatamente o A loro semplicemente non piace sentirsi dire "no".

Sebbene questa età sia difficile, è fondamentale approfittarne per rafforzare le basi dell'istruzione e il controllo delle proprie emozioni.

I due anni sono un'età in cui è difficile accettare le regole, è frustrante lasciare il loro gioco perché devono obbedire a qualcosa che non vogliono fare in quel momento, se fanno qualcosa è perché lo dicono ma non perché qualcuno li stia ordinando, è Normale che sono ostinati, impazienti e vogliono sempre contraddire tutto.

Per questo motivo, è importante essere radicali quando insegnano loro a eseguire gli ordini, imparando come genitori a tollerare la frustrazione, senza cedere alle richieste che fanno. Un po 'di fermezza e perseveranza sarà la chiave per essere in grado di assumere con successo questa fase.

Come raccomandazione nei momenti di cambiamento della mente dei bambini, non dovresti reagire con rabbia, ma dovresti cercare di capirli, capendo che non possono sempre controllare le loro emozioni, perché spesso non capiscono perché si comportano in quel modo.

Offrire loro la possibilità di essere autonomi e allo stesso tempo farli obbedire non è impossibile se vengono comunicati in modo strategico, come ad esempio:

Andiamo a dormire !! Le parole assertive sono fondamentali per loro, dal momento che danno fermezza all'ordine che vogliono inviare e non hanno la possibilità di confutare.

A loro può anche essere data l'opportunità di scegliere in alcuni momenti, accompagnando la parola assertiva con una domanda del tipo: vuoi dormire con la tua bambola o meglio senza di essa? Ciò incoraggerà la loro autonomia e allo stesso tempo li motiverà a fare ciò che deve essere fatto al momento giusto.

Elimina il no! È raccomandato per questa fase in cui i bambini sono stati programmati per avere linee guida di obbedienza, si raccomanda di sostituire quello con no! o un ¡para !, perché queste parole si adattano di più all'autonomia dei piccoli.